Strikeout di Annamaria Bosco e Mariarosaria Guarino: Segnalazione





 Titolo: Strikeout

Serie: Autoconclusivo

Autori: Annamaria Bosco e Mariarosaria Guarino

Editore: Self publishing

Genere: Sport romance/Enemies to lovers/Forced proximity/Contemporary/Spicy

Data di pubblicazione: 21 giugno 2024

Formati: ebook e cartaceo


Trama

Sono Emily. E per vivere faccio l’artista.

Be’... ci provo, almeno. Il fatto è che è difficile emergere e per sbarcare il lunario devo

necessariamente affittare una stanza della mia casa. Nessuno dura più di tre mesi perché... non è

facile vivere con me. Ma Liam, il nuovo affittuario, sembra intenzionato a non mollare. E questo mi

spinge a provocarlo per vedere fino a quanto può resistere. Peccato che i suoi bicipiti mi

distraggano. Parecchio. Ma non cederò il mio cuore a un giocatore di baseball. Anche se è carino.

Sono Liam e la vita non mi ha sempre sorriso.

Ho dovuto guadagnare con il sudore ogni singolo traguardo e nemmeno ora sono tranquillo. Faccio

tante cose. Troppe. Forse per non sentire il silenzio e non farmi inghiottire dal buio. Il baseball è

una di queste. Anche se non è la sola. Sono giovane, squattrinato e pieno di sogni.

Un affitto da dividere a metà mi pare perfetto per le mie finanze. Peccato che la proprietaria sia

insopportabile: chiassosa, rumorosa e vendicativa. Anche una bomba sexy, ma questo è un dettaglio

irrilevante. Non le darò la soddisfazione di andarmene. Questa partita la vincerò io.

E se una convivenza più o meno forzata ti riservasse sorprese? Riusciresti a mettere da parte

l’orgoglio e ascoltare il cuore?


Estratto

«Lei è la signora Wilson?»

«Non sono sposata, né tanto vecchia», risposi percorrendo gli ultimi gradini fino a trovarmi di

fronte a lui. «Puoi chiamarmi Emily, se preferisci». Tesi una mano per stringere la sua e parve

riscuotersi.

«Scusa, ero certo che la proprietaria fosse…»

«Una vecchia sugli ottant’anni che puzza di naftalina e si tiene compagnia con decine di gatti?»

«Qualcosa del genere», ammise con un mezzo sorriso che mi spiazzò. Era bello e parecchio, per cui

sarebbe stato difficile non pensare al sesso se l’avessi visto spesso, ma le regole erano regole e

valevano per tutti.

«Mi chiamo Liam Price», si presentò, «spero che andremo d’accordo». Approfittai del momento per

ritornare la solita me stessa strafottente e stronza, e illustrargli quali erano le leggi in casa mia.

La sezione a sua disposizione in frigo era quella in basso, non poteva utilizzare il mio cibo, gli era

consentito usare la cucina solo se non la stavo già adoperando io, le pulizie degli ambienti in


comune spettavano a entrambi con dei turni prestabiliti, non aveva accesso alle altre zone della casa

se non a quelle mostrate dall’agente immobiliare e non poteva portarsi ragazzi o ragazze in stanza.

«Un momento, mi stai dicendo che…»

«Non puoi scopare qui dentro». Meglio essere diretti e chiari dall’inizio. «Inoltre non sono ammesse

feste di alcun tipo, né alcol o fumo».

«Stai scherzando? Non che io fumi o beva, ma non è mai stato un delitto invitare degli amici per

una birra».

«Sono seria e non voglio estranei in casa», replicai incrociando le braccia sotto il seno.

«Ora capisco perché gli altri non hanno resistito, sono regole assurde e tu devi avere qualche rotella

fuori posto». Ecco crollata la facciata di buone maniere che lasciava spazio a una lingua tagliente e

sfrontata.

Commenti

Post popolari in questo blog

L'enigma dell'acqua Parte 1 (La coscienza di Cain) di Constance S - Blogtour: Tappa Roma e i suoi misteri

Dentro il tuo ore di Annamaria Bosco: Recensione

Il mostro dagli occhi verdi di Cristina Argenio - Blog tour: Tappa Il mondo delle fanfiction e il genere What if